L’IMPRONTA DEI VIRALES SULLA “FIBS CUP”

NEWS

Inizio settembre: la stagione calda lascia spazio all’autunno, le spiagge si svuotano e, puntuale come un orologio, arriva la “FIBS Cup”, ovvero il massimo campionato nazionale di Slowpitch, come sempre disputatosi nella balneare e felliniana cornice di Riccione.

Ben cinque membri dei Virales hanno preso parte alla manifestazione: Laura, Mike e il Belze (in qualità di “coach/giocatore”) hanno avuto l’onore di difendere i colori giallo-blù della selezione espressione del nostro C.P.P.S., ovvero i “Caval Pist Parma” (nome migliore e più evocativo davvero non poteva esserci), mentre il Weo e il Pigna si sono aggregati ai Delfini Riccione.

Purtroppo, complice una formula alquanto discutibile (ci si potrebbe scrivere un tomo intero… ) il successo non ha arriso agli amanti del “cavallo crudo macinato”, i quali sono giunti terzi dietro alla squadra della base Nato di Aviano ed ai Rustelle, di nuovo detentori del “defender FIBS” e con l’organizzazione della Nazionale di Slowpitch assicurata ancora per un anno.

Un vero peccato, in quanto, a conti fatti, il team parmigiano s’è rivelato come la più forte delle squadre italiane, di un nulla appena sopra ai fortissimi Dry Wall Bombers di Nettuno. Ma tant’è: parmigiani e nettunesi, anche stavolta, resteranno a guardare: con amarezza, ma anche con la consapevolezza di avere giocato al massimo e con onore.

In attesa di un organizzazione più logica e, chissà, di un vero e proprio Campionato Nazionale di Slowpitch, si mastica amaro: nulla potrà però cancellare il ricordo di un weekend allegro e sereno, passato in compagnia di grandi giocatori e di persone uniche stupendamente fuori dagli schemi.