ORANGE CRUSH CLASSIC: UN SUCCESSO IN SALSA VIRALICA

NEWS

Lo scorso weekend, sabato 31 agosto e Domenica 1° settembre, si è svolta a Sala Baganza la prima edizione dell’“Orange Crush Classic”, torneo internazionale di Slowpitch organizzato dai nostri Laura ed Ugo con la collaborazione del Sala Baganza B.C. e del team Orange Crush, sodalizio con base in Germania da sempre impegnato nella diffusione di una filosofia inclusiva del softball amatoriale e caratterizzato da una forte impronta internazionale, tanto da potere schierare nel capoluogo della Val Baganza un line-up composto da giocatori provenienti da Italia, Stati Uniti, Cuba, Repubblica Dominicana, Canada, Portogallo ed Irlanda del Nord.

Ladies and Gentlemen: from all over the world… the ORANGE CRUSH!

I nostri beneamati Virales non erano presenti come singola compagine, ma si sono divisi tra gli Oaks di Ascoli Piceno – dove hanno militato Wéo, Lillo, Pigna, Thor, Lo.Ro.San. e Nora – i “padroni di casa” degli Orange Crush – dove hanno prestato servizio la già citata Laura, il Pomp e Mike – ed il Padova 88, capitanato dal grande Ugo. I nostri eroi in nero-arancio, come sempre splendidi ed immarcescibili, hanno portato competenza tecnica, simpatia e la solita carica virale…

L’Unione delle cucine tradizionali abruzzese e parmigiana non poteva che generare un team godereccio e sorridente: ecco a voi i temibili OAKS di ASCOLI PICENO!

Alla fine della “due-giorni” di lanci e battute l’hanno spuntata meritatamente gli statunitensi degli Untouchaballs Dubai (la squadra è composta da cittadini U.S.A. di stanza alla base militare a stelle-e-strisce presente nel Golfo Persico) che hanno battuto all’ultimo respiro il Sala Baganza in una finale da duri di cuore. Al terzo posto l’altro team targato U.S.A., ovvero i Them Boyz di Aviano, mentre gli Orange Crush, nonostante gli eroismi del terzetto H.Z.V., si sono dovuti accomodare giusto ai piedi del podio. A seguire Bears Bologna, Padova 88, gli irrefrenabili Panthers (direttamente dal Regno Unito) e, buoni ultimi ma belli pieni di arrosticini, gli abbruzzes-parmigiani degli Oaks.

In attesa della seconda edizione di questo “Classic” ci sia permessa un’ulteriore grande lode a Laura ed Ugo i quali si sono sobbarcati questo onere non da poco: l’organizzazione è stata perfetta, tutto è filato liscio (anche al netto di qualche siparietto francamente poco edificante… ma si sa… ce n’è sempre uno o due di quelli…) e a tutti i partecipanti rimarrà un ricordo di un week-end intenso, divertente e sereno. Laura and Ugo: TAKE A BOW!